Divieto di abbruciamento degli scarti di potatura e chiusura dei mercati

abbruciamento
Sono ordinanze emanate dal presidente della Regione Bonaccini in materia di commercio e rifiuti a seguito della emergenza Coronavirus

L’attuale fase di emergenza sanitaria causata dell’epidemia denominata Coronavirus sta determinando un susseguirsi di Decreti nazionali e ordinanze regionali nel tentativo di contenere la diffusione del virus a tutela della salute di tutti noi.

Continua a leggere

Coronavirus, l’attività della Cia non si ferma: garantiti tutti i servizi agli agricoltori nel rispetto dei modi e nelle forme consentite dalle ordinanze vigenti

BOLOGNA, 20 MARZO 2020 – L’attività nei campi non si ferma, anzi, con la primavera si intensifica, e di pari passo prosegue il lavoro negli uffici di Cia-Agricoltori Italiani, nonostante il delicato momento che sta attraversando il Paese. Lo rende noto il direttore di Cia Emilia Centro, Gianni Razzano, sottolineando che, nonostante gli uffici siano chiusi al pubblico per le necessarie misure precauzionali di tutela dei lavoratori, i servizi sono comunque garantiti.

Continua a leggere

Auguri di Buone Feste!

Gli uffici della sede Cia dell’Emilia Romagna sono aperti fino alle ore 13 del 24 dicembre 2019 e dal 2 gennaio 2020.

AUGURI DI SERENE FESTE!

Fusione della Cia – Agricoltori Italiani di Bologna e Modena

FUSIONE DELLA CIA – AGRICOLTORI ITALIANI DI BOLOGNA E DELLA CIA – AGRICOLTORI ITALIANI DI MODENA

Documentazione relativa agli atti costitutivi (ai sensi degli artt. 2501 e segg. CC):

La documentazione di cui all’art. 2501 Septies CC è depositata presso la Sede legale della Cia – Agricoltori Italiani di Modena, in Via Santi n. 14 Modena.

Fusione della Cia – Agricoltori Italiani di Bologna e Modena

FUSIONE DELLA CIA – AGRICOLTORI ITALIANI DI BOLOGNA E DELLA CIA – AGRICOLTORI ITALIANI DI MODENA

Documentazione relativa agli atti costitutivi (ai sensi degli artt. 2501 e segg. CC):

La documentazione di cui all’art. 2501 Septies CC è depositata presso la Sede legale della Cia – Agricoltori Italiani di Bologna, in Via Bigari n. 5/2 Bologna.

Rai Tre a Faenza per la cimice asiatica

Il programma Agorà, in onda al mattino su Rai Tre, l’8 ottobre si è collegato in diretta con Faenza, dall’Azienda agricola Misirocchi per affrontare la questione della cimice asiatica e degli effetti che questo insetto alieno sta avendo sulla frutta, in questo caso sulle mele in raccolta e sull’actinidia in previsione della raccolta. La cimice aggredisce, in generale, coltivazioni frutticole e vegetali.

Francesca Orlati nella Sottocommissione declaratorie eventi

La Cia nazionale, in qualità di componente della Commissione tecnica per l’elaborazione delle proposte ai fini dell’adozione del “Piano di gestione del rischio in agricoltura”, ha indicato Francesca Orlati come componente della Sottocommissione declaratorie eventi per l’aggiornamento delle definizioni relative agli eventi avversi di cui all’allegato 4 al Piano.
Orlati, perito agrario in Cia sin dagli anni ’90, è capo settore del Caa di Cia Romagna. Accanto a lei nella sottocommissione vi sono i rappresentanti delle altre associazioni di categoria del settore agricolo, funzionari/responsabili  nazionali delle principali società di assicurazioni, del collegio Periti agrari, di Asnacodi e della Direzione strumenti per la gestione del Rischio di ISMEA, più eventuali altri esperti del settore che andranno ad integrarne la composizione.

La costituzione della Sottocommissione, in via sperimentale, ha l’obiettivo è di proporre, alla Commissione tecnica che è l’organo che prende le decisioni in merito, soluzioni tecniche di modifica per definire il “Piano di gestione del rischio in agricoltura” per il 2020, in sinergia con gli  obiettivi politici di ampliare le sfere assicurative. La sottocommissione ha ruolo propositivo e non deliberativo, e nella prima riunione, questa settimana, ha approfondito il tema delle definizioni e della ridefinizione delle avversità assicurabili.

“Esprimo la soddisfazione di Cia Romagna per aver scelto un tecnico dal nostro territorio – commenta il presidente Danilo Misirocchi -. Si tratta, oltre che di un riconoscimento alle capacità professionali di Francesca, anche di un riconoscimento al lavoro fatto da questo territorio sui Pai e sulle altre questioni legate al rischio. La presenza di Francesca Orlati in commissione è importante per avere un ruolo diretto nelle proposte da parte di chi gestisce sul territorio le varie problematiche”.

Casa Molinari e Trapoggio: abbinamento di gusto

“I sapori della Romagna forlivese”, Cia Romagna è fra le organizzazioni di rappresentanza che collabora al progetto

A fine settembre (il 28, ndr) due aziende associate Cia Romagna hanno presentato i loro prodotti nella splendida cornice della Piazza Guido da Montefeltro, a Forlì, davanti ai Musei di San Domenico: l’agriturismo Casa Molinari di Maraldi Elisa di Bertinoro (con un laboratorio per la preparazione e la cottura delle marmellate ottenute con frutti tipici di stagione) e la Fattoria Trapoggio di Drei Denise di Santa Sofia con i suoi formaggi. I visitatori hanno potuto degustare i prodotti aziendali abbinando i vari tipi di formaggi (pecorini, caprini e vaccini) con i diversi tipi di confetture (rosa canina, nespole, pomodori verdi, cipolla e prugne, albicocche, zucca e zenzero).

Cia Romagnaintende offrire alle aziende l’opportunità di entrare a fare parte dei “Luoghi del gusto”. L’iniziativa, gratuita, consente a produttori di prodotti tipici e tradizionali del forlivese di fare rete tra di loro e di avere visibilità sul sito www.saporidellaromagnaforlivese.it. Per informazioni: Mirko Tacconi, Responsabile Rapporto con i soci e Supporto alla rappresentanza: tel. 054335246 – e-mail: m.tacconi@cia.it

“I sapori della Romagna forlivese” è un tuffo tra i prodotti enogastronomici che caratterizzano la Romagna e in particolare la zona del forlivese. Dalla Piadina Romagnola IGP al vino Sangiovese, passando per la Pesca-Nettarina IGP, questo “viaggio” alla scoperta di prodotti della tradizione spesso nascosti del comprensorio forlivese non è rivolta solo a turisti, ma anche ai forlivesi. Il progetto, finanziato dalla Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì e dalla Regione Emilia Romagna, è patrocinato dalla Camera di commercio della Romagna (Forlì-Cesena e Rimini). È promosso dall’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese, in stretta collaborazione con le Associazioni di categoria: Confcommercio Forlì, Confesercenti Forlivese, CNA Forlì-Cesena, Confartigianato Forlì, Cia-Agricoltori Italiani Romagna.

Clicca qui per il video

“Per fare la quercia…ci vuole la ghianda”

Una interessante iniziativa ambientale (ma non solo) è in programma lunedì 11 novembre a Casa Cervi (Gattatico). Dalle 9 del mattino verranno raccolte e poi piantate ghiande per dare vita a una nuova generazione di querce. A seguire, è previsto un incontro con il professor Ugo Pellini, docente di scienza naturali, che illustrerà le fasi di crescita dell’albero e racconterà storie e tradizioni legate alla quercia. L’iniziativa è rivolta alle scuole materne e primarie del territorio. Per ulteriori informazioni: 0522/678356.

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat